Skip to main content

Avete un’attività che si basa sulla scrittura di contenuti per ottenere traffico?

Il content marketing è un ottimo modo per far crescere il vostro business online quasi con il pilota automatico, ma comporta alcune sfide: una delle principali è quella della scalabilità.

A causa della cosiddetta velocità di pubblicazione, ovvero la frequenza e la costanza con cui si pubblicano nuovi contenuti, è necessario adottare un nuovo approccio alla scrittura dei contenuti se si vuole che il proprio business sia sempre più competitivo e prospero!

In questo articolo vi spiegherò un metodo per scalare la creazione di contenuti per avere un impatto positivo sia sul traffico al vostro sito, sia sull’engagement della vostra audience.

Cominciamo!

Cosa significa scalare i contenuti? 

Innanzitutto, definiamo rapidamente cosa si intende per “scalare i contenuti“.

Scalare qualcosa significa semplicemente “aumentare qualcosa in termini di dimensioni, numero o estensione, soprattutto in proporzione costante”.

Quindi, per scalare la scrittura di contenuti si intende realizzare un sistema in cui si ideano, creano, pubblicano e promuovono regolarmente i post del blog, di solito con l’obiettivo di far crescere la propria attività.

Scalare i contenuti non significa pubblicare decine di post da cento parole alla settimana o copiare e incollare il vostro articolo migliore o plagiare contenuti da altre fonti.

Anche se si tratta di quantità, si tratta piuttosto di qualità.

Pubblicare post sul blog solo per il gusto di pubblicare contenuti non fa bene a nessuno.

  • Il vecchio consiglio: Scrivete uno o due post sul blog a settimana a vostro piacimento, e col tempo vedrete che arriverà anche il traffico…
  • Il nuovo consiglio: Sfruttate l’automazione, l’intelligenza artificiale e freelance professionisti per aumentare la velocità di creazione e pubblicazione di contenuti di qualità e SEO-friendly su larga scala!

Alcuni casi di studio reali dimostrano in modo schiacciante che per ottenere una crescita reale con il content marketing, è necessario approcciarsi come una startup affamata.

Ecco un esempio di come una strategia di contenuti basata sui consigli che sto per condividere con voi ha impattato il traffico al sito di un nostro importante cliente in meno di un anno:

Il primo passo è fare un cambio di mentalità: smetterla di pensare al blog come un’area del vostro sito subordinata ad altre e iniziare a vederlo come un asset di business.

Dopodiché, è necessario focalizzarsi su 3 aspetti:

  • migliorare il processo di scrittura dei contenuti e stabilire un template standard
  • migliorare la produzione di contenuti con l’aiuto di strumenti di AI
  • delegare la scrittura dei contenuti per sfruttare la velocità di pubblicazione

Se vi sentite in sintonia con le frustrazioni legate alla creazione di contenuti, prestate quindi molta attenzione ai prossimi paragrafi…

Le 3 principali strategie per scalare velocemente la scrittura di contenuti

Un grande errore che la maggior parte delle persone commette è quello di buttarsi a capofitto nell’esternalizzazione dei contenuti, come un bambino che prova a correre per la prima volta, con il risultato (probabile) di fare un bel tonfo sul pavimento.

Se infatti si saltano le fasi di miglioramento della propria scrittura, di creazione di processi e di linee guida standard, di solito si ottengono contenuti incompleti, incoerenti e di scarsa qualità.

Quali strategie quindi potete adottare?

Vediamole!

1) Migliorare il processo di scrittura dei contenuti con il metodo a catena di montaggio

Henry Ford è stato il primo a creare la catena di montaggio per la produzione di veicoli su larga scala, e la scrittura di contenuti per il web dovrebbe adottare lo stesso approccio.

Come?

Attraverso l’adozione di template specifico per ogni testo, dove ogni “pezzetto” del processo produttivo mantenga un’elevata qualità per creare un testo finale che trasmetta valore.

I vantaggi di questa procedura, a prescindere dal fatto che si esternalizzi o meno la realizzazione, sono il controllo della qualità fin dall’inizio, la definizione del tone of voice, l’aggancio del lettore e la delineazione del resto del post.

Ricordate che, oltre all’ottimizzazione SEO (che è scrivere per gli algoritmi), scriviamo prima di tutto per le persone.

Questo post è stato scritto proprio sulla base di questa struttura e lo esamineremo subito.

Titolo

Dedicate un po’ di tempo al titolo, perché è la prima cosa che i lettori vedono.

Se il titolo non è abbastanza allettante da indurli a cliccare, tutto il resto del lavoro sarà vano.

Un modo semplice per realizzare questo passaggio consiste nell’articolare innanzitutto l’idea che si vuole inserire nel titolo, per poi perfezionarlo in iterazioni fino a farlo apparire nitido e preciso.

I punti principali da centrare nel titolo sono:

  • Qual è il problema?
  • Qual è la promessa (o soluzione) che state dando al lettore?

I copywriter di solito amano includere un numero nell’headline, e questo si presterà naturalmente a dare forma al resto del contenuto in modo quasi automatico.

Se parlate di “3 cose che vorreste sapere su…”, quelle tre cose saranno i vostri punti principali da approfondire nel contenuto.

Se a questo punto siete ancora bloccati, potete provare a trarre ispirazione da altri titoli che trovate online.

Introduzione

L’introduzione deve riguardare i seguenti punti per spingere il lettore a continuare a leggere:

  • Di cosa parla questo articolo?
  • A chi è rivolto?
  • Qual è la promessa?
  • Quali sono le leve di credibilità?

Non deve essere per forza complicato, ma questi sono gli elementi di un’introduzione che colpiscono nel segno.

Il lettore si fa essenzialmente un’idea di cosa tratterà il contenuto, se si applica a lui/lei, se vale la pena investire del tempo nella lettura e se trarrà qualche beneficio dalle informazioni.

Molti copywriter commettono l’errore di cercare di infilare troppe informazioni nell’introduzione, finendo per nascondere i punti chiave.

Se la vostra introduzione supera pochi paragrafi brevi e concisi, potreste aggiungere una nuova intestazione per il contenuto in eccesso.

Corpo dell’articolo

Se avete azzeccato il titolo, allora il contenuto stesso dovrebbe rispecchiare i punti che avete già espresso in esso.

In questo modo la scrittura del contenuto avrà un buon flusso e saprete esattamente cosa approfondire.

A questo punto, potete esternalizzare il resto del contenuto, come discuteremo nella fase 3, che servirà da eccellente traccia per i vostri copywriters. Serviranno solo 10-15 minuti di tempo per organizzare il corpo, una volta che si è acquisita una certa dimestichezza.

Prendiamo come esempio questo articolo. Il titolo inizia con “3 semplici modi per…“, il che naturalmente pone le basi per il resto del contenuto che ruota attorno a tre cose, tre passaggi o tre consigli.

A questo punto, potete iniziare a scrivere o esternalizzare il resto dei contenuti (come discuteremo nella fase tre), fornendo un’eccellente traccia per i vostri copywriter.

Alcuni elementi da considerare nel corpo principale dell’articolo, indipendentemente dal fatto che siate voi a scriverlo o lo stiate esternalizzando, sono:

  • Espandere la promessa fatta nel titolo e nella sezione introduttiva.
  • Fornire i “risultati” e coprire tutti i punti principali.
  • Fate in modo che questa sezione dell’articolo sia il più concisa e, al contempo, precisa possibile.
  • È una buona idea includere un elenco puntato per riassumere i punti salienti.

Conclusione

Le chiusure non pensate di solito non fanno altro che ripetere gli stessi punti del contenuto, quindi cercate di fare una mini conclusione dicendo qualcosa di nuovo o concludendo con un ultimo punto dello storytelling.

In questo modo, la conclusione sarà raffinata e rappresenterà una chiusura rinfrescante per un contenuto che si presenterà già ottimo.

Cercate di concludere in modo piacevole e pulito, senza ripetizioni. In altre parole, non limitatevi a elencare le cose che sono già state approfondite.

Alcuni punti che potrebbero costituire una buona conclusione sono:

  • Utilizzare una sorta di battuta finale
  • Usare una citazione che sia in sintonia con il contenuto
  • Condividere una nuova intuizione che è sorta dopo avere riletto il contenuto

2) Migliorare la scrittura di contenuti con gli strumenti software di intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale non è più il futuro: sta già impattando sulle nostre vite per aiutarci a diventare più produttivi ed efficienti, e sta guadagnando terreno anche nella creazione di contenuti.

Questa fase è dedicata a coloro che non sono ancora in grado di esternalizzare completamente i contenuti.

Detto questo, esistono diversi strumenti software che si possono utilizzare per aumentare la produzione e scalare la scrittura dei contenuti.

Vediamo quali sono.

Strumenti di controllo grammaticale

Non ci sono più scuse per la cattiva grammatica e l’ortografia. Ma a volte gli errori più microscopici sfuggono all’occhio umano.

Grammarly è uno strumento semplicissimo che non solo corregge gli errori di ortografia, ma suggerisce anche strutture di frase sensate.

Unito al predittore di frasi di Google Docs, rende la scrittura un gioco da ragazzi.

Strumenti di generazione di contenuti per accelerare la scrittura

Con il rilascio del GPT-3 al pubblico (openAI), molte aziende SaaS hanno creato servizi di scrittura.

GPT-3 è l’acronimo di Generative Pre-trained Transformer 3, la terza iterazione di un modello linguistico di intelligenza artificiale che produce testi e contenuti molto simili a quelli che potrebbe scrivere un essere umano.

Tuttavia, non tutti i servizi di scrittura AI sono creati allo stesso modo e sul mercato esistono software di scrittura AI davvero eccellenti.

Questi non vanno confusi con le pratiche “black-hat” come i content spinner (strumenti che si limitano a riscrivere gli articoli cambiando una parola qua e là, il che è essenzialmente un plagio).

Utilizzando uno strumento quale Jarvis AI, ad esempio, potrete scrivere contenuti insieme a un’intelligenza artificiale e vedrete i contenuti scritti davanti ai vostri occhi, a seconda dei vostri input all’intelligenza artificiale:

Sebbene l’intelligenza artificiale diventi sempre più intelligente e apprenda a ogni iterazione, non potrà mai sostituire completamente un essere umano, quindi dovrete modificare voi stessi i contenuti.

L’IA è più adatta a generare idee, schemi e frasi.

Ma il più grande vantaggio del potenziamento della scrittura con l’intelligenza artificiale è che consente di creare contenuti a un ritmo molto più veloce, aumentando notevolmente la produzione.

Ciò che potrebbe richiedere 3-4 ore per scrivere un post lungo può essere ridotto a un’ora con l’aiuto di strumenti di generazione contenuti basati su di essa.

Strumenti SEO per ottimizzare la scrittura

Potreste avere in mano i migliori contenuti in assoluto, ma senza una buona distribuzione non valgono nulla.

È qui che entra in gioco la SEO per aumentare il traffico organico.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca è spesso avvolta nel mistero come qualcosa di super difficile che solo gli esperti SEO possono realizzare, ma non è così, soprattutto quando si utilizza uno strumento di ottimizzazione dei contenuti come SurferSEO.

SurferSEO vi aiuta a ottimizzare i vostri contenuti, vi suggerisce il numero di parole e le parole chiave semantiche, vi propone le domande di People Also Ask estratte direttamente da Google e vi fornisce un punteggio di leggibilità e una valutazione complessiva dei contenuti.

L’ottimizzazione dei contenuti aiuterà i motori di ricerca come Google a classificarli meglio nelle SERP.

3) Delegare la scrittura dei contenuti

Esternalizzare i post del blog e i contenuti web a copywriter professionisti è il modo più efficiente per scalare la vostra azienda come una start-up.

Ma è essenziale che, prima di delegare la creazione di contenuti, comprendiate cos’è una buona scrittura, come volete che i vostri contenuti siano formattati, che tono devono avere, quali informazioni devono contenere e qual è l’obiettivo che volete raggiungere con essi.

Ma prima dovete migliorare le vostre capacità di scrittura dei contenuti per essere in grado di riconoscere questi tratti.

L’assunzione di bravi copywriter di contenuti che producano un lavoro di qualità per il vostro marchio è un intero post a sé stante, ma per questo articolo mi limiterò a farvi conoscere le basi che devono essere presenti per scalare questo tipo di attività.

L’importanza dei processi

Ora che siete in grado di identificare cosa sia una buona scrittura, è fondamentale creare linee guida, modelli e procedure operative standard (SOP) su quali risultati aspettarsi dai dipendenti, ad esempio:

  • Come volete che siano i vostri contenuti
  • Quale formattazione deve utilizzare lo scrittore
  • Quale struttura deve seguire
  • Il tone of voice da utilizzare
  • Il pubblico di riferimento per cui scrivere

Notion è un’app perfetta per condividere le guidelines e collaborare con il proprio staff.

Si tratta di un potente spazio di lavoro all-in-one in cui è possibile organizzare letteralmente qualsiasi cosa, da pensieri e idee a calendari di contenuti, linee guida, informazioni e molto altro:

Assumere bravi copywriter

Una volta stabiliti i template e create le linee guida, è il momento di trovare i copywriter.

È essenziale trovare copywriter validi e che non copino i contenuti, altrimenti potreste finire in guai seri.

Alcuni dei vantaggi di utilizzare i freelance sono:

  1. Si scarica letteralmente l’intero processo di ricerca di una persona da assumere, che può richiedere molto tempo e risorse.
  2. Questi servizi si basano su recensioni di altri utenti, e quindi sulla trasparenza.
  3. Se uno scrittore scompare nel bel mezzo di un progetto, non dovrete pagarlo.

Alcuni esempi di piattaforme sulle quali trovare copywriter freelance, sono:

Conclusioni

Non importa se siete una realtà già affermata oppure una start-up che punta a crescere attraverso il content marketing.

I consigli che ho illustrato in questo post si applicano a qualsiasi tipo di business o no-profit.

Se avete bisogno di un supporto strategico per creare contenuti efficaci, contattateci!

Siamo qui per aiutarvi a realizzare la content strategy che meglio si adatta alle vostre esigenze ed obiettivi!